Calypso Salute - Fisioterapia Riabilitazione Reggio Emilia

Orari : Da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 19.30
  Telefono : 0522 240157

scoliosi

La scoliosi

Cos’è la scoliosi?

E’ una malattia che provoca deformita’ della colonna vertebrale nell’eta’ di crescita.

Qual’ e’ la causa della scoliosi?

Non lo sappiamo, c’è una forte componente ereditaria ma la causa e’ tuttora ignota, certamente non dipende da attivita’ sportive asimmetriche (come il tennis), da posture scorrette, dall’utilizzo dei pesantissimi zainetti scolastici. Tuttora si dice che la scoliosi è idiopatica, parola che significa che ignoriamo la causa di tale patologia.

Quali sintomi provoca la scoliosi nel paziente adolescente?
Nell’eta’ dell’adolescenza in cui abitualmente si manifesta, la malattia non da’ mai segno di se’. Non provoca dolore o altri sintomi, per questo è importante che tutti i bimbi vengano visitati con regolarita’ per scoprire eventuali anomalie.

Quali problemi puo’portare nel tempo la scoliosi?
In eta’ adulta se la scoliosi e’ lieve non porta alcun problema e consente una normale qualita’ di vita. Se la scoliosi e’ grave invece, provocasempre gravi alterazioni estetiche per la presenza di gibbi ( le persone gobbe che per fortuna ora si vedono raramente sono persone affette da grave scoliosi).
Questa alterazione estetica puo’ portare a gravi conseguenze psicologiche come la disistima di se’, la depressione, importanti difficolta’ relazionali e sociali. La scoliosi grave in eta’adulta puo’ portare anche dolori frequenti e intensi alla colonna vertebralespesso difficilmente trattabili. Sono possibili anche difficolta’ respiratorie anche di notevole gravita’ per la deformita’ della gabbia toracica e nella donna sono possibili anche impedimenti al parto naturale.

Quale eta’ colpisce?
Puo’ interessare raramente anche bimbi molto piccoli ma l’eta’ certamente piu’ a rischio e’l’eta’ di maggior crescita del bimbo/a che va dai 9-10 anni ai 14-15 anni. Colpisce prevalentemente il sesso femminile. La scoliosi si stabilizza al termine della crescita verso i 17-18 anni.

Come si fa diagnosi di scoliosi? Ci vogliono radiografie?
Per la diagnosi di scoliosi basta una semplice visita medica, la radiografia della colonna raramente è necessaria e da riservare a casi clinicamente rilevanti.

Quale prevenzione o terapia possiamo fare?
Non e’ possibile prevenire la scoliosi, le posture corrette, la regolare pratica di attivita’ motoria o sportiva (comunque da consigliare per i numerosi effetti benefici) non possono impedire la comparsa di scoliosi ne’ rallentarne l’evoluzione. Anche il nuoto correttivo o la kinesi correttiva hanno un valore terapeutico limitato e possono essere indicate solo nelle forme lievi e non evolutive. A tutt’oggi l’unica terapia in cui si e’ potuto riscontrare una buona efficacia clinica per la scoliosi è l’utilizzo di corsetto ortopedico (detto comunemente busto). Anche il busto pero’ non è in grado di correggere una scoliosi ma se è fatto bene e indossato per tempi adeguati si è dimostrato in grado di fermare l’evoluzione peggiorativa della scoliosi. Il busto è indicato nelle forme di scoliosi importanti ma anche nelle forme di scoliosi lievi che mostrano segni clinici di rapida progressione evolutiva.

Conclusione
Da quanto detto dovrebbe risultare chiara la necessità di visita medica a tutti i bimbi soprattutto nella fascia di eta’ piu’ a rischio per valutare eventuali anomalie del rachide e la loro evoluzione nel tempo.
La visita potra’ essere eseguita dal pediatra o dal medico curante e se nella visita ci fosse riscontro positivo e’ utile l’invio allo specialista ortopedico o fisiatra.

Scoliosi Massimo Bedogni

A CURA DI DOTT. MASSIMO BEDOGNI
MEDICO FISIATRA
presso il poliambulatorio
CALYPSO SALUTE

Il dottor Bedogni si occupa di tutte le patologie ortopediche e in particolare di quelle fisiatriche dell’età evolutiva: piede piatto e scoliosi.

PER PRENOTARE UNA VISITA CHIAMAI ALLO 0522240157