Calypso Salute - Fisioterapia Riabilitazione Bibbiano Reggio Emilia

Orari : Da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 19.30
  Telefono : 0522 240157

News

Esercizi per la schiena

In questo video Giovanni Tria, Chinesiologo presso Calypso e responsabile dei corsi di rieducazione funzionale in piscina e in palestra ci mostra alcuni semplici esercizi per riattivare la muscolatura della schiena

Leggi tutto

NEUROFEEDBACK THERAPY

Le ultime frontiere nel campo delle neuroscienze applicate

Intervista alla Dott.ssa Cristina Rosso psicologa-psicoterapeuta specialista in Neurofeedback.

Che cos’è il Neurofeedback?

Il Neurofeedback è uno strumento che permette alle persone di imparare ad autoregolare la propria attività cerebrale.

Il Neurofeedback deriva dal Biofeedback. Il Biofeedback è uno strumento che permette di imparare ad autoregolare alcune variabili fisiologiche come ad es. la frequenza cardiaca, la respirazione, la tensione muscolare, ecc… Uno strumento molto utilizzato in ambito clinico. Una persona, ad esempio, che soffre di tachicardia può, attraverso il Biofeedback, imparare a ridurre la propria frequenza cardiaca. Oppure una persona che soffre di cefalea muscolo-tensiva può imparare a ridurre la propria tensione muscolare.
Il Neurofeedback funziona sullo stesso principio del Biofeedback, soltanto che utilizza una variabile differente rappresentata, in questo caso, dalle onde cerebrali. Attraverso il training di Neurofeedback noi impariamo ad autoregolare la nostra attività cerebrale. Questo significa che, imparando ad autoregolare la nostra attività cerebrale, impariamo ad autoregolare i nostri stati mentali ed emotivi. Tutto questo è possibile perché esiste una corrispondenza tra stato mentale e attività cerebrale, quindi andremo a modificare l’attività cerebrale per modificare lo stato mentale ed emotivo.

Il meccanismo di autoregolazione avviene attraverso il feedback (da qui il termine Neuro-feedbak), cioè un’informazione di ritorno. Ovvero quando una persona raggiunge un determinato “stato desiderato” (es. uno stato di concentrazione o rilassamento) riceve un feedback che può essere un suono, un’animazione che informa la persona che sta facendo la cosa giusta, cioè che sta raggiungendo e mantenendo quello stato. In questo modo il cervello, attraverso questo meccanismo continuo di feedback, impara adautoregolare se stesso, chiaramente in funzione degli obiettivi che vengono prefissati nel corso dell’intervento terapeutico.

Su che cosa si basa il Neurofeedback?

Il Neurofeedback si basa sulla NEUROPLASTICITA’, cioè la capacità del nostro cervello di cambiare e riorganizzarsi attraverso l’esperienza.

Questo è un concetto molto importante. Noi sappiamo che “esperienze negative” (traumi emotivi, modalità affettive e relazionali disfunzionali e disorganizzate, condizioni croniche di stress, e sappiamo che lo stress, oggi, purtroppo, è una realtà molto presente nelle nostre vite) possono creare dei pattern cerebrali disfunzionali.

Che cosa significa questo? Che l’esperienza, nel senso più ampio del termine, influenza il funzionamento del nostro cervello sia da un punto di vista strutturale sia da un punto di vista dei ritmi di base del nostro cervello. Tutto quello che noi siamo, il nostro modo di pensare, di comportarci, di relazionarci, il nostro modo di gestire le emozioni o il nostro dialogo interiore, sono uno specchio, in un certo qual modo, del funzionamento del nostro cervello che si è organizzato e strutturato in un determinato modo a seconda delle esperienze cha ha fatto. Quindi l’esperienza impatta sulla strutturazione e funzionalità del nostro cervello.

Attraverso il Neurofeedback abbiamo accesso non solo alla “lettura” elettroencefalografica di queste esperienze ma abbiamo soprattutto la possibilità di intervenire andando a ripristinare una condizione di equilibrio.

Il Neurofeedback ci permette di aiutare il cervello a riorganizzarsi in modo più efficace e in tempi brevi. Andiamo a lavorare direttamente alla fonte. “Andiamo a cambiare il cervello per cambiare la mente” (cit. S. B. Fisher).

Cosa significa questo? Noi partiamo dal presupposto che esista una relazione tra sintomo (ansia, depressione, ecc..) e una specifica attività elettroencefalografica. Quindi noi andiamo a modificare l’attività elettroencefalografica per ridurre il sintomo.

Se io ho l’ansia mi aspetto un certo pattern elettroencefalografico, andremo pertanto a modificare quel pattern per ridurre l’ansia. Questa è la dinamica di fondo su cui lavora il Neurofeedback.

Come viene progettato un training di Neurofeedback?

La progettazione di un training è un po’ come cucire un abito su misura. Il training deve essere calato sulle caratteristiche della persona, la sua storia, le sue esperienze di vita, la sintomatologia che presenta. Quindi faremo sia una valutazione clinica che elettroencefalografica dove, in quest’ultimo caso, andremo a registrare l’attività elettroencefalografica per qualche minuto in condizioni di riposo. In questa fase di valutazione la persona viene fatta accomodare su una poltrona, le vengono apposti sullo scalpo dei sensori (procedura assolutamente indolore e non invasiva) e le viene chiesto molto semplicemente di rilassarsi per qualche minuto.

In questo modo otteniamo un profilo di base che verrà integrato con le informazioni relative alla storia e alla sintomatologia clinica del paziente. I sensori rilevano il bio-segnale elettrico il quale viene amplificato e visualizzato sullo schermo.

Cosa succede in una seduta di Neurofeeedback?

La persona viene fatta accomodare su una poltrona, le vengono apposti sullo scalpo i sensori che permetteranno alla persona di vedere in tempo reale, sul monitor del computer, il proprio funzionamento cerebrale. Sulla base della valutazione fatta in precedenza verranno selezionati determinati parametri che verranno visualizzati sullo schermo sottoforma di animazioni (videogiochi o video o anche solo dei suoni).

Questi parametri sono sostanzialmente le frequenze d’onda che andremo ad aumentare o diminuire, in termini di velocità e ampiezza, a seconda dei risultati della valutazione fatta, delle problematiche presentate dal paziente, nonché dagli obiettivi prefissati.

Queste animazioni funzionano solo se la persona raggiunge e mantiene un determinato stato desiderato (attenzione, rilassamento, ecc). Quindi se riesce a mantenere lo stato desiderato l’animazione “va avanti”, se esce dallo stato desiderato, perché magari si distrae o si irrigidisce o magari entra in loop con i suoi pensieri, l’animazione si ferma. In questo modo il cervello è continuamente informato sul suo stato e questo feedback, in tempo reale, è il processo che sta alla base dell’apprendimento di competenze di autoregolazione mentale ed emotiva.

In sostanza stiamo parlando di un allenamento che permette al paziente di modificare la propria attività cerebrale in funzione della definizione degli obiettivi.

Qual è la durata di una sessione e in linea generale la durata di un training?

Ogni singola sessione va dai 20 ai 30 minuti una volta che l’attrezzatura è stata collegata. La frequenza è di circa una volta a settimana.

La durata di un training è in funzione del quadro clinico e degli obiettivi che si vogliono raggiungere. Si va comunque da un minimo di 10 sedute ad un massimo di più di 40 sessioni di training. E’ chiaro che tutto deve essere progettato in funzione del quadro clinico.

Ad esempio per ansia e insonnia la durata può essere di 15-20 sedute.

In linea generale si riscontrano benefici già dalle prime sedute.

Per i disturbi dell’apprendimento o l’ADHD si va dalle 20 alle 40 sedute a seconda della gravità del problema.

Nel trattamento di condizioni molto complesse o quando sono presenti più disturbi, un trainer non può sempre stabilire in anticipo quante sessioni di trattamento dovranno essere fatte.

In quali casi si può utilizzare il Neurofeedback?

Il ventaglio clinico di intervento del Neurofeedback è molto ampio: disturbo da deficit di attenzione iperattività, disturbi dell’apprendimento (che sappiamo essere, purtroppo, una realtà molto diffusa tra i nostri bambini), epilessia, ansia (ansia generalizzata, attacchi di panico, fobie), depressione, disturbo ossessivo compulsivo, alcolismo, dipendenza da sostanze, traumi emotivi/PTSD (Disturbo Post Traumatico da Stress), insonnia, riabilitazione cognitiva per traumi cranici, ictus, demenze, autismo, acufene, Sindrome di Tourette (sindrome neurologica caratterizzata da tic involontari e ripetitivi).

Il Neurofeedback viene inoltre utilizzato per migliorare le performance cognitive nello studio, nello sport, in ambito lavorativo manageriale e per migliorare la memoria. Pertanto non solo in ambito clinico, ma anche da persone che stanno bene e che vogliono migliorare le proprie performance.

Numerose ricerche e sperimentazioni hanno riconosciuto il Neurofeedback come uno tra i trattamenti più efficaci per l’ADHD.

Con chi può essere utilizzato?

Sostanzialmente con tutti, bambini, adolescenti, adulti, anziani.

Ci sono effetti collaterali?

No, addirittura può portare ad una riduzione dell’assunzione farmacologica.

I benefici sono duraturi nel tempo?

Si, ci sono studi che confermano la stabilità dei risultati anche a distanza di 10 anni. I benefici sono il risultato di un processo di apprendimento che coinvolge abilità di autoregolazione.

Chi è il trainer di Neurofeedback?

Il Neurofeedback deve essere condotto da qualcuno con esperienza specializzata.

Il trainer di Neurofeedback è generalmente uno psicologo, psicoterapeuta o medico con formazione specializzata nell’ambito della psicofisiologia o delle neuroscienze applicate.

Il trainer deve aver seguito una formazione specifica (che non solo ti abilita all’utilizzo pratico dello strumento, ma una formazione che comporta anche l’acquisizione di competenze di tipo clinico) e in più deve aver conseguito una certificazione, quindi una idoneità, che andrà a comprovare competenze teoriche, pratiche e cliniche.

Al mondo esistono solo due enti di ricerca e formazione che certificano gli operatori di Neurofeedback: BCIA Biofeedback Certification International Alliance e BFE Biofeedback Federation of Europe.

Per l’elenco degli operatori certificati BFE clicca qui.

Un ringraziamento alla Dott.ssa Rosso per la disponibilità, per chi fosse interessato ad avere ulteriori informazioni può direttamente contattarla.

Leggi tutto
Psicologa

#psicologionline

In linea con il Consiglio Nazionale degli Ordini degli Psicologi(CNOP) Calypso aderisce all’iniziativa #psicologionline.

Per alleviare paure, ansie, stress e preoccupazioni connesse all’emergenza coronavirus puoi prenotare un primo consulto gratuito con la nostra psicologa-psicoterapeutaDott.ssa Cristina Rosso.

Le consulenze saranno condotte telefonicamente o via Skype.

Tel. 339 4176380

E-mail rosso.cristina@libero.it

Leggi tutto

Open day Limfa Therapy

OPEN DAY LIMFA THERAPY – Tecnologia utile per dolore, rigenerazioni tendinee, cartilaginee, muscolari ed ossee, fibromialgia, osteoporosi, recupero dello sportivo in sovraccarico.
Prenota la tua consulenza gratuita con la Dott.ssa Cristina Cogoi presso il nostro poliambulatorio venerdì 8 novembre. Chiamaci allo 0522240157

Leggi tutto

Goodway…la buona strada

Prenotati e recati MARTEDI 22 OTTOBRE presso PARAFARMACIA CONAD alle 18.30 per l’aperitivo di presentazione dell’innovativo progetto GOODWAY nato dalla collaborazione tra PARAFARMACIA CONAD CITY e CALYPSO LIFE CLUB. 

Piccoli semplici passi per il Tuo benessere.

Le competenze e l’esperienza di due realtà del territorio al servizio della persona attraverso la creazione e la promozione di un innovativo percorso di attività inteso al miglioramento della qualità della vita.

GoodWay ConadCalypso è un progetto volto ad orientare ed accompagnare le persone che vorranno aderire verso un più corretto Stile di Vita, determinato da scelte alimentari consapevoli, da una corretta, moderata e costante attività fisica, da una capacità di vivere l’ambiente e le relazioni in modo sereno.

Il primo passo. 

Per aderire al progetto è necessaria la compilazione del QUESTIONARIO CONOSCITIVO sulle TUE ABITUDINI, che ci permetterà di sapere qualcosa in più di Te e della Tua condizione.Consegnando il questionario verrai già premiato con ben 80 PUNTI CONAD Inoltre riceverai in omaggio 1 INGRESSO OPEN CALYPSO ed una 1 LIMFA THERAPY.

Leggi tutto

Giornata nazionale della psicologia

10 ottobre 2019

La GIORNATA NAZIONALE DELLA PSICOLOGIA, patrocinata dal Ministero della Salute, ha lo scopo di valorizzare e far conoscere maggiormente ai cittadini e alla comunità le potenzialità della Psicologia come scienza e come professione.

L’iniziativa STUDI APERTI si pone come OCCASIONE per favorire l’INCONTRO tra PROFESSIONISTA e CITTADINO.

DAL 7 AL 26 OTTOBRE 2019
PUOI PRENOTARE GRATUITAMENTE
UNO DEI SEGUENTI SERVIZI PSICOLOGICI:
– Primo colloquio

– Valutazione psicofisiologica dello stress
(VIENI A CONOSCERE IL BIOFEEDBACK)

– Incontro teorico-pratico di Respirazione Diaframmatica e
Respiro Consapevole

Dott.ssa Cristina Rosso
Psicologa-Psicoterapeuta
Specialista in Biofeedback e Neurofeedback
Tel. 339 4176380
e-mail: rosso.cristina@libero.it
www.cristinarosso.it

Leggi tutto

Fisiatra

Dott.ssa Mincarelli Simona, specialista in medicina fisica e riabilitazione. Osteopata. Esperta di medicina omeopatica e cinese.

Utilizza tecniche di medicina manuale e mesoterapia antalgica con farmaci tradizionali o omeopatici.

Contatta la reception per programmare una visita

Fisiatra a Reggio Emilia e provincia

Leggi tutto
Curare il mal di schiena

Mal di schiena Wellback system

Preserva il benessere della tua schiena!

CONTRO IL MAL DI SCHIENA PER TUTTI e PER TUTTE LE ETA’  Nessuna controindicazione

ALTA COME UNA SEDIA e COMODA COME UNA POLTRONA Si usa senza difficoltà, ideale anche per le persone con grosse limitazioni  fisiche.

TONIFICA IL CORPO IN TOTALE SICUREZZA Offre un allenamento personalizzato, grazie alle numerose applicazioni disponibili.

TOGLIE LE RETRAZIONI MUSCOLARI 

In poche sedute il mal di schiena scompare, donando una piacevole sensazione di benessere

DECOMPRIME LA COLONNA VERTEBRALE 

Il rilassamento della muscolatura e l’eliminazione delle retrazioni consentono di scaricare le compressioni vertebrali di benessere

STABILIZZA LA POSTURA CORRETTA 

Grazie alla possibilità di eseguire esercizi di tonificazione in totale sicurezza direttamente sulla panca

Leggi tutto

Alimentazione e allenamento: cosa mangiare nel pre- intra- e post-workout

Una corretta alimentazione basata sui giusti apporti calorici e di macronutrienti, abbinata ad un allenamento adeguato, è fondamentale per ottenere risultati in termini estetici e di prestazione.
In questo articolo vediamo alcune regole generali per capire come gestire la propria giornata alimentare in base all’allenamento, con particolare riferimento ad allenamenti di forza (come powerlifting, bodybuilding, calisthenics e crossfit).

1) Assumere la giusta quantità di proteine
Il fabbisogno proteico per chi pratica sport di potenza è aumentato ed è pari a 1,5-2,5g/kg di peso corporeo. Le proteine sono infatti necessarie per la sintesi proteica a livello muscolare e per favorire l’anabolismo. L’ideale è ripartire il carico proteico durante la giornata, assumendole quindi sia prima dell’allenamento (facendo passare almeno 2 ore tra il pasto a base di proteine ed il workout, in modo da evitare problemi di digestione durante lo sforzo fisico) sia nei pasti successivi.

2) Concentrare i carboidrati intorno all’allenamento
La maggior parte della quota glucidica giornaliera dovrebbe essere consumata vicino all’allenamento. I carboidrati pre/intra-workout servono come substrato energetico per i muscoli. Ancora più importante è il rifornimento di carboidrati dopo lo sforzo fisico. L’allenamento infatti determina lo svuotamento delle scorte di glicogeno nel muscolo ed una conseguente maggiore esposizione sulle cellule muscolari dei recettori per il glucosio. Una buona quantità di carboidrati è funzionale a dare il giusto rifornimento ai muscoli che si “riempiono” di glucosio accumulato sotto forma di glicogeno.

3) Non dimenticare i grassi
I grassi sono un nutriente fondamentale per la salute. In base all’allenamento, i grassi devono essere assunti lontano rispetto all’attività fisica. Quindi, carboidrati e lipidi vanno consumati in maniera inversa: tanti carboidrati e pochi grassi vicino all’allenamento, tanti grassi e pochi carboidrati lontano rispetto all’allenamento.

E in pratica?
Vediamo quindi in pratica come può essere organizzata l’alimentazione in base all’allenamento.

Caso 1 – Allenamento al mattino presto
Se mi alleno al mattino presto l’idea migliore può essere quella di allenarsi a digiuno. In questo caso, la sera precedente dovrò aumentare la quantità di carboidrati previsti per la cena, in modo da avere il giusto carburante durante lo sforzo fisico. In alternativa, se non riesco a fare allenamento a digiuno, posso consumare una piccola quota di carboidrati, per esempio qualche galletta con marmellata oppure della frutta fresca.

Durante l’allenamento posso iniziare ad integrare con uno shake di proteine in polvere e zuccheri semplici e una volta finito mi aspetterà una bella colazione a base di carboidrati e proteine, per esempio uno yogurt greco magro con della frutta fresca, dei fiocchi d’avena e del pane con la marmellata. Se l’allenamento è invece più spostato nella tarda mattinata, allora il mio pasto completo a base di proteine e carboidrati sarà il pranzo.

Nel resto della giornata ridurrò i carboidrati a favore dei grassi, fino ad arrivare ad una cena tipo: un trancio di salmone con contorno di verdure condite con olio e semi vari e a fine cena un frutto.

Caso 2 – Allenamento nel tardo pomeriggio
La regola è sempre la stessa, pochi carboidrati lontano dall’allenamento. Inizio quindi la giornata con una colazione a base di yogurt intero con frutta secca e una crêpe con burro d’arachidi. A pranzo consumo un secondo piatto proteico abbinato a verdure e una piccola porzione di pane. Dopo allenamento un primo piatto a base di pasta integrale o altri cereali (sì, i carboidrati a cena si possono mangiare senza problemi), come un insalatone di farro e verdure, seguito da un secondo, per esempio della carne, accompagnato da verdure. E questo potrebbe essere anche il momento giusto per concedersi un dolcetto.

E gli integratori?
Come dice la parola stessa, gli integratori possono integrare quella che è un’alimentazione corretta. Tra quelli più comuni ci sono proteine in polvere e amminoacidi essenziali, maltodestrine come fonte di carboidrati durante il workout, creatina, beta-alanina e integratori specifici in caso di determinate problematiche (es. problemi gastrointestinali, infiammazione muscolare, affaticamento).

L’importante è pero essere consapevoli che se alla base non c’è una dieta adeguata ed il giusto allenamento, posso usare ogni tipo di integratore possibile, ma i risultati non si vedranno.

In conclusione, abbiamo quindi visto le regole generali per ripartire i macronutrienti nella giornata di allenamento. Ovviamente il tutto deve essere calibrato sulla persona, sul suo peso corporeo, sulla fase del ciclo mestruale nelle donne, sulla necessità di definire/dimagrire oppure di mettere su massa muscolare, sulla tipologia di allenamento (per esempio un allenamento più o meno metabolico)… Come sempre la personalizzazione è fondamentale!

Dott.ssa Dietista Valentina Masi
www.dietistavalentinamasi.com

Leggi tutto